Chi siamo

Ad est dell’equatore non è un luogo, e nemmeno un’utopia. È un puntino, che rosseggia lontano all’orizzonte, verso il quale abbiamo deciso di dirigerci. È un viaggio che abbiamo iniziato nel 2008, carichi di  passione, entusiasmo, curiosità, progetti. È questo il nostro modo di muoverci ed è così che intendiamo fare libri: non rinunciando a nessuna di queste componenti. I libri sono la nostra scommessa: farli, oggi, è difficile, ma  noi  crediamo  ancora che possano  inventare  il migliore  dei mondi possibili. Che possano raccontare il bello, ma soprattutto possano insinuare il dubbio, insidiare il lato oscuro delle cose, svelare inganni, informare e controinformare. Il nostro viaggio è cominciato nel retro di una sartoria, a Ponticelli, un’area periferica di Napoli circondata da strade senza curve e palazzi tutti uguali. Da qui abbiamo mosso i primi passi e, continuando a viaggiare, abbiamo dato vita ad un catalogo che oggi comprende una collana di narrativa, “I virus”, una collana di scrittura altra, “Liquid” , una collana che raccoglie la letteratura che ferisce, “Ni Mu”, e una nuova collana, quella di saggistica, “I Barbari”.

Non ci fermiamo. Continuiamo a pensare libri, intrecciare persone e storie, immaginare mondi. In pochi mesi siamo riusciti a coinvolgere nel viaggio i nuovi autori della scena campana: Angelo Petrella, Riccardo Brun, Maurizio de Giovanni, Andrea Santojanni, Luca Maiolino, Valerio Lucarelli, Carmen Pellegrino, Mario Gelardi. Ma anche attori (Giuseppe Miale di Mauro, Adriano Pantaleo). Fotografi (Mario Spada). Musicisti (A67). È con tutti loro che ci muoviamo. Ad est dell’equatore è così lontano, ma è bellissimo sentirci ogni giorno in viaggio.

 

Ciro Marino Direttore Editoriale

Guglielmo Gelormini Responsabile Amministrazione

Carlo Ziviello Responsabile Comunicazione

Marco Marino Direttore Commerciale

Carmen Pellegrino Direttore collana I Barbari

Angelo Petrella Editor e Direttore collana Liquid

Andrea Porrazzo Editor

Agata Fuso Ufficio stampa

Loredana Giudice Impaginazione