Ischia nelle arti visive francesi dell’Ottocento

20,00 IVA inclusa

Nelle rappresentazioni settecentesche, l’isola d’Ischia è ritratta prevalentemente come profilo di un insieme compositivo, relegata a confine che delimita un più ampio scenario, talvolta costituito dall’evento storico su cui si concentra la narrazione artistica; altre volte l’isola diviene parte integrante della fisionomia del paesaggio di carattere archeo-ambientale.

COD: 9788899381417 Categoria: Product ID: 1998

Descrizione

Nelle rappresentazioni settecentesche, l’isola d’Ischia è ritratta prevalentemente come profilo di un insieme compositivo, relegata a confine che delimita un più ampio scenario, talvolta costituito dall’evento storico su cui si concentra la narrazione artistica; altre volte l’isola diviene parte integrante della fisionomia del paesaggio di carattere archeo-ambientale. Nell’Ottocento, al seguito del Grand Tour – o indipendentemente da esso – l’isola nel contesto partenopeo come Capri, Sorrento, Amalfi ed altre località archeologiche, fu “riscoperta” e minuziosamente esplorata al suo interno da artisti e architetti provenienti dai vari paesi europei, e in particolare dalla Francia, le cui tracce costituiscono il motivo della presente ricerca. Ed è di eccezionale valore artistico e storico la rappresentazione del tutto inedita della realtà ambientale dell’isola con i suoi abitanti così come si presentava agli occhi dei pittori nell’attraversare territori impervi e di struggente bellezza. È a partire da Valenciennes e da Denis che l’isola, benché nota per le sue acque termali, viene vista ed esplorata nell’incanto dei luoghi e nell’intimità culturale dei suoi abitanti; sarà una dimensione inedita che pittori e scrittori racconteranno nel corso dell’Ottocento. Ischia con i suoi abitanti diviene il centro dell’attenzione; sarà un viaggio emozionale quello degli artisti, un trasporto intenso e coinvolgente evocato da Turpin De Crissé nel libro Souvenirs du golfe de Naples, ma sarà anche l’emozione di ritrovare negli abitanti dell’isola i naturali discendenti del mito classico come affermava il critico Etienne-Jean Delécluze a proposito della pittura di Léopold Robert. Si deve agli artisti che si avvicendarono sull’isola, ai loro album, ai loro incantevoli disegni, se non è andata del tutto dispersa l’immagine del suo passato.

 

Nicoletta D’Arbitrio; scenografo e docente di Restauro dei tessuti storici (Istituto Mondragone di Napoli, Istituto L. de’ Medici, Accademia di Belle Arti di Napoli). Autrice di pubblicazioni sulla storia dell’arte del tessuto; tra queste: L’Arte della tessitura in Campania, Marotta, Napoli 1989; con L. Ziviello: Il Real Albergo dei Poveri di Napoli. Edisa, Napoli 1999 e Carolina Murat; La Regina Francese del Regno delle Due Sicilie, Edisa, Napoli 2003; La “Nova sacristia” di San Domenico Maggiore, gli apparati e gli abiti dei re Aragonesi, Edisa, Napoli 2001. L’età dell’Oro, Artemisia, Napoli 2007. Curatore di mostre sul patrimonio tessile del Regno di Napoli; tra queste, la cura della sezione “tessuti” della mostra Las Manufacturas Napolitanas de Carlos y Ferdinando Borbon, Madrid 2003; Un Giojello per la Regina, Napoli 2006; Antichi Telai. Il patrimonio di tessuti d’Arte del Ministero degli Interni, sezione napoletana, Roma 2009; I Pastori napoletani e le vestiture del Regno di Napoli. Londra 2009; Il Presepe del Regno di Napoli, Parigi 2010; Il Presepe cortese del Regno di Napoli, Strasburgo 2010. Ha partecipato a pubblicazioni curate dalla Soprintendenza del Polo museale di Napoli; tra queste: Settecento napoletano: sulle ali dell’aquila imperiale, Napoli 1994; Gaspare Traversi, Electa, Napoli 2003. Tiziano e il ritratto di corte da Raffaello ai Carracci, Electa, Napoli 2006. Ha condotto il restauro di opere d’arte tessile tra cui i reperti del I° secolo d. C. di Ercolano e Pompei, la collezione d’Avalos (Museo di Capodimonte), la collezione d’Aquino (Basilica di San Domenico Maggiore), i paramenti sacri del XVII e XVIII secolo della Cappella del Tesoro di San Gennaro.

Luigi Ziviello, architetto, nato a Napoli. Si interessa di storia dell’architettura. Ha pubblicato Villa Maria, la dimora Liberty di una famiglia francese a Napoli, EDISA, Napoli 2010. Con Nicoletta D’Arbitrio ha pubblicato: Le Case di Pietra, architettura rupestre dell’isola d’Ischia, Società Editrice Napoletana, 1982 poi ESI, 1991; Dal Grand Eden Hotel di Piazza Amedeo alla fabbrica Cirio di Vigliena, Fiorentino, Napoli 1992; La tavola del Re, ESI, Napoli 1997; Il Real Palazzo di Napoli negli anni di Ferdinando II, EDISA, Napoli 1999; I Borbone a Ischia, la Villa de’ Bagni, EDISA, Napoli 2000; Il Reale Albergo dei Poveri di Napoli. Un edifizio per le arti della città, EDISA, Napoli 1999; Il Real Albergo dei poveri di Napoli, carteggi 1752 – 1896 EDISA, Napoli 2001; Carolina Murat, la Regina francese del Regno delle Due Sicilie, EDISA, Napoli 2003; Leopoldo di Borbone, Valentino, Napoli 2004; Cronache del Real Palazzo, EDISA, Napoli 2006. Per questa casa editrice ha pubblicato Il protomedico Francesco Buonocore (2013) e Grand Eden Hotel (2014).

Informazioni aggiuntive

Brand

ad est dell'equatore

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Ischia nelle arti visive francesi dell’Ottocento”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *