Il seme di picche

14,00 IVA inclusa

“Tutti gli uomini ricchi e potenti hanno un segreto nascosto e inconfessabile, nessuno escluso”. Questa affermazione pronunciata quasi per caso in un esclusivo club parigino è l’antefatto di una storia che ha origine agli inizi dell’Ottocento, con una bizzarra quanto spregiudicata scommessa tra due personaggi: un ricco conte francese e un potente banchiere napoletano di origini ebraiche.

COD: 9788899381479 Categoria: Tag: Product ID: 2031

Descrizione

“Tutti gli uomini ricchi e potenti hanno un segreto nascosto e inconfessabile, nessuno escluso”. Questa affermazione pronunciata quasi per caso in un esclusivo club parigino è l’antefatto di una storia che ha origine agli inizi dell’Ottocento, con una bizzarra quanto spregiudicata scommessa tra due personaggi: un ricco conte francese e un potente banchiere napoletano di origini ebraiche. A prima vista sembrerebbe una disputa goliardica tra due inseparabili amici di mille avventure ma poiché le cose non sono mai come sembrano, la scommessa darà il via a una serie di delitti che richiederanno l’intervento del più abile investigatore della Real gendarmeria borbonica, il giovane tenente Camillo Del Giudice e del suo vice, l’alfiere Antonio Moscato. Toccherà infatti ai due giovani ufficiali di Ferdinando II dipanare l’ingarbugliata matassa di rancori, tradimenti e tornaconti personali che sembrava dimenticata sotto la polvere degli anni e che invece ritorna improvvisamente sulla scena per opera di una fantomatica confraternita di nobili cavalieri francesi che si richiama a San Martino di Tours.

 

Aldo Vetere: Napoli, 1942. Ha studiato a Napoli dove, dopo una attività di collaborazione giornalistica freelance, ha lavorato per un’importante azienda di credito meridionale ricoprendo incarichi dirigenziali in Italia e all’estero. Appassionato da sempre di narrativa e della “storia di Napoli”, per questa casa editrice ha pubblicato: Il fiore della ginestra (2014) e Le sei mosse del pettirosso (2016) con il quale ha vinto il premio nazionale “Letizia Isaia” per la sezione “Romanzo Giallo”. Sempre nel 2016 ha inoltre pubblicato il racconto breve Ignazio e la farfalla. Con Il seme di picche si conclude la trilogia del “noir borbonico”.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il seme di picche”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *