Lamiere

12,00 IVA inclusa

Raccontare della letteratura e dell’industria, provare a sciogliere il nodo del rapporto tra la rappresentazione letteraria e la produzione industriale o, meglio, della rappresentazione letteraria del mondo della fabbrica, e farlo, in definitiva, nella cornice di un’analisi critica, scientifica ma non specialistica, non è un cimento di poco conto.

COD: 9788895797335 Categoria: Tag: Product ID: 1383

Descrizione

Raccontare della letteratura e dell’industria, provare a sciogliere il nodo del rapporto tra la rappresentazione letteraria e la produzione industriale o, meglio, della rappresentazione letteraria del mondo della fabbrica, e farlo, in definitiva, nella cornice di un’analisi critica, scientifica ma non specialistica, non è un cimento di poco conto. L’impegno intellettuale che ne consegue esige di approfondire la lettura dei testi narrativi e dei saggi critici, di affrontare la prova della ri-costruzione epistemologica del testo letterario e, non meno importante, di sbrogliare la matassa di una letteratura critica, che passa attraverso le monografie, le riviste e gli interventi tematici, di cui non solo non esiste un’organica ri-costruzione critico-bibliografica, ma della quale soprattutto non si rinviene un’eco nell’attualità. Basti ricordare pochi esempi, tra quelli su cui le pagine seguenti ampiamente si soffermeranno: “Il Politecnico” a partire dal 1945, l’“Almanacco Letterario Bompiani”, “Delta”, inaugurata nella sua nuova serie nel 1952, “Il Verri”, “Il Menabò”, in particolare con i fondamentali monografici n. 4 del 1961 (“Letteratura e Industria”) e n. 5 del 1962 (che ne prosegue la riflessione con ulteriori contributi), “Paragone” e “Aut-Aut”, “Il Dramma” e “Sipario” a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta, passando per le riviste aziendali, segnatamente la “Civiltà delle Macchine”di Finmeccanica, “Il Gatto Selvatico” dell’ENI, la rivista della “Pirelli”, probabilmente la più esemplare nella sua parabola storico-culturale, che non a caso, dipanandosi tra il 1948 della ri-costruzione post-bellica e il 1972 della transizione taylorista, finisce quasi per testimoniare simbolicamente il passaggio da una fase alla successiva dello sviluppo industriale e, di conseguenza, da un motivo ad un altro della storia del rapporto tra letteratura e industria nel nostro Paese.

Informazioni aggiuntive

Brand

ad est dell'equatore

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Lamiere”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *